+39 06 5812385 info@ocd.it Iscrizione alla newsletter
Login

Teresianum 70 (2/2019)

Anno di stampa: 2019
Tipo di copertina: plastificata lucida
Numero pagine: 376
Autore: AA.VV.
ISBN: 978-88-7229-749-0
Categoria:

Editoriale

La esperanza sanjuanista, expresión del devenir dramático de la Biblia en pos de la nueva Jerusalén
Secundino Castro Sánchez, ocd

Nel dialogo con alcuni libri biblici, l’autore mostra che il processo di trasformazione sanjuanista può essere inteso come una storia della salvezza. Così, per esempio, la teologia dell’esilio (Noche) e la speranza della Gerusalemme nuova (Llama) vengono lette nella prospettiva sanjuanista come realizzate già in questa vita.

«Aunque es de noche»: esperienza, memoria e speranza della notte nella poesia di san Giovanni della Croce
Loretta Frattale

L’autrice offre un’interpretazione della famosa poesia «Aunque es de noche». La poesia La fonte viene letta come momento sorgivo della notte nella quale si sperimenta la polarità tra memoria e speranza.

Mémoire de Dieu: oubli de tout? La purification de la mémoire par l’espérance à la lumière de la pensée de Jean de la Croix
Jean-Baptiste Lecuit, ocd

L’autore precisa come la dottrina sanjuanista è praticabile, in particolare alla luce di un passo nel quale Giovanni spiega che dobbiamo ricordarci di tutto ciò che le circostanze richiedono (lo que es obligado, 3S 15,1). Fa anche dialogare Giovanni della Croce con le neuroscienze e quella che viene chiamata la memoria del futuro. Cerca inoltre di illuminare una realtà non tematizzata da Giovanni, cioè la memoria delle persone, in particolare a partire dalle considerazioni sull’umanità di Cristo.

Memory, and Hope in Eternal Life. “The memory
has changed into eternal apprehensions of glory” (2N 4.2)
Iain Matthew, ocd

Dio ci ama come siamo e allo stesso tempo come ciò che possiamo diventare per grazia nel futuro di Dio. La trasformazione spirituale e dunque anche la purificazione della memoria si può descrivere come un entrare nella memoria di Dio che ci vede non come prigionieri del passato, ma come capaci di gloria nella comunione con Lui.


Olvido y cuidado
en la mística sanjuanista
Juan Antonio Marcos, ocd

La dottrina sanjuanista sulla memoria viene letta in una duplice direzione apparentemente opposta: da un lato la dimenticanza viene interpretata come un superamento dell’attaccamento ai pensieri e ai ricordi, ma dall’altro viene sottolineata la cura di sé e degli altri come accoglienza della vulnerabilità propria e altrui, a immagine del Verbo che ha assunto la nostra fragilità.

Pregare: dal gemito al ricordo. San Giovanni della Croce
Emilio J. Martínez González, ocd

Con una ricca scelta di testi in tutta l’opera di Giovanni della Croce, la preghiera viene considerata in una prospettiva relazionale, distesa tra il gemito e il ricordo, dove il ricordo amoroso di Dio è il frutto della purificazione della memoria.

La purificazione della memoria nel dittico della Salita
e Notte in Giovanni della Croce
Jesús Manuel García Gutiérrez, sdb

L’autore descrive la purificazione della memoria e la corrispondente pacificazione e guarigione della persona come condizioni della vita spirituale.

Il volo memore e gli altri nomi del desiderio
in Giovanni della Croce
Grazia Petti

La speranza teologale è letta in una prospettiva psicologica come espressione del sé desiderante che aspira all’unione divina.

St. John of the Cross – Hope for the Hopeless Places. Healing of Memories and the Places of Conflict
Iva Beranek

Il contributo offre un’integrazione pastorale della dottrina sanjuanista sulla memoria con uno sguardo spirituale sul processo di guarigione di persone traumatizzate, portando l’esempio dell’Irlanda del Nord.

Una memoria “vivente”: la rilettura di san Giovanni
della Croce da parte di santa Teresa di Lisieux
Joseph Spence

L’autore si interessa alla ripresa personale di Giovanni della Croce nella vita e opera di Thérèse di Lisieux a partire da uno studio dottorale.

Filosofia della mistica. Un approccio fenomenologico
Patrizia Manganaro

Nella presente rilettura di Giovanni della Croce la riflessione sull’esperienza mistica del Santo spagnolo è mediata da Edith Stein.

Recensioni