+39 06 5812385 info@ocd.it Iscrizione alla newsletter
Login

Teresianum 68 (1/2017)

Anno di stampa: 2017
Tipo di copertina: plastificata lucida
Numero pagine: 256
Autore: AA.VV.
Categoria:

ISBN: 978-88-7229-678-3

Editoriale

La semplicità di Dio Trinità
Denis Chardonnens, ocd

Nel contesto della teologia trinitaria si cerca di delineare, a partire dalle provocazioni di Pannenberg e di Greshake, il significato della semplicità rispetto all’unità e pluralità in Dio e di individuarne la ricaduta esperienziale in Giovanni della Croce e Teresa di Gesù.

La noche oscura en el itinerario espiritual de Teresa de Jesús. Interpretación cristológica
Teresa Gil Muñoz, stj

Questo intervento si incentra sulla dimensione cristologica della notte, in particolare a partire dalla visione dell’inferno (Vida 32) e dalle Seste Mansioni come un processo di identificazione con il mistero pasquale di Cristo.

Visualising Christology: Llama de amor viva and the Resurrection
Iain Matthew, ocd

L’autore propone una lettura della Fiamma d’amor viva di Giovanni della Croce come una cristologia incentrata nella risurrezione di Cristo, cercando di spiegare che cosa significhi per noi essere risorti in Cristo per coglierne viceversa una luce sulla risurrezione di Cristo stesso.

Ouvrir la bouche du désir. Éros dans le Cantique spirituel B de saint Jean de la Croix (II)
José Pereira, ocd

L’articolo mostra come secondo Giovanni della Croce eros sia la capacità umana concreta di accogliere il dono che Dio fa di se stesso. L’uso del termine riflette la ripresa analogica costante della concretezza “carnale” del Cantico dei Cantici e, così facendo, rivela come il mistico raggiunga l’integrazione piena delle dimensioni carnale e spirituale.

The Experience of Jesus’ Thirst in the Life of Saint Thérèse
Michael Champagne, cjc

L’incontro di Teresa di Gesù Bambino con la sete di Gesù offre una chiave ermeneutica per l’ultimo periodo della vita di Teresa, perché suscita la sua sete e la spinta missionaria concretizzata per la prima volta nel suo impegno per Pranzini, il suo “primo figlio”.

Recensioni