+39 06 5812385 info@ocd.it Iscrizione alla newsletter
Login

La formazione e lo sviluppo della contemplazione secondo Gabriele di santa Maria Maddalena

Rivista di Vita Spirituale 66 (2012/6:609-639)
Autore: Josip Mužić

Studi

Il Carmelo ritiene la contemplazione come suo fine principale. S. Teresa d’Avila afferma che tutti i suoi membri sono chiamati alla contemplazione. P. Gabriele chiarisce poi che ciò vale pure per tutti coloro che fanno vita attiva, a condizione che cerchino anzi- tutto l’intimità divina. Con la sua spiccata sensibilità pratica, nell’analisi della fase più delicata che è quella della nascita e sviluppo della contemplazione, in tutte le sue varie dimensioni, egli ci aiuta a vincere le paure e darci generosamente all’orazione mettendo in chiaro che il Signore anche se non ci porterà tutti alle vette mistiche e sarà esigente, alla fine non ci lascerà mai senza frutti secondo i bisogni di ciascuno. Ugualmente, in tutto questo riesce a rendere comprensibile la materia in sé complessa e insegna con chiarezza come assecondare l’azione di Dio per arrivare alla contemplazione.