+39 06 5812385 info@ocd.it Iscrizione alla newsletter
Login

Rivista di Vita Spirituale - 68 (2014/6) novembre-dicembre

Rivista di Vita Spirituale

In un contesto sociale in cui la solennità del Natale è stata mutata in una festa commerciale, si può ancora scorgere il significato profondo e pieno di vita del Bambino nella mangiatoia? Cosa può avere da dire un Dio che si fa Bambino all’uomo di oggi, che predilige la forza alla debolezza, la grandezza alla piccolezza?
L’evento dell’Incarnazione del Verbo può considerarsi definitivamente concluso nella grotta di Betlemme? L’articolo di Ester Corso cercherà di rispondere a queste domande, dando ampio spazio ai vari scritti di Edith Stein che trattano l’argomento.

Il culto dell’Eucaristia
di ARNALDO PIGNA

Dopo aver ricostruito in breve la storia della pratica dell’adorazione di Gesù sacramentato, lo studio si concentra sulla presenza di Gesù nell’Ostia consacrata, presenza «non soltanto in modo spirituale, ma anche corporale». Di questa Presenza reale, che sollecita altre “presenze”, che è in noi personalmente pur essendo concretamentevisibile sotto le specie del pane e del vino, si rileggono le testimonianze dei santi e padri carmelitani, nonché degli ultimi pontefici.

La missione del Carmelo nel mondo di oggi
di SAVERIO CANNISTRA'

Il Preposito Generale dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi, Saverio Cannistrà, nel discorso tenuto a Venasque (Istituto Notre-Dame de Vie) il 28 gennaio 2012, dichiara di non vedere altra missione per il Carmelo «se non quella di una “prossimità” all’uomo capace di comunicargli la prossimità di Dio: aiutare l’uomo a porre la sua vita e la sua solitudine sotto la benedizione di Dio».

Fra Lorenzo della Resurrezione (1614-1691)
Quarto centenario della sua nascita

di SAVERIO CANNISTRA'

La lettera integrale che il padre Saverio Cannistrà ha indirizzato all’Ordine in occasione del IV centenario della nascita di fra Lorenzo. Una breve riflessione sull’umile frate carmelitano non-sacerdote, umile ma amatissimo da cristiani e non-cristiani, a partire dalle due grandi tappe della sua vita. Dapprima, “il giovane laico” Nicolas Herman, quindi “il fratello laico OCD” Lorenzo della Resurrezione.