+39 06 5812385 info@ocd.it Iscrizione alla newsletter
Login

Teresianum 68 (2/2017)

Anno di stampa: 2017
Tipo di copertina: plastificata lucida
Numero pagine: 240
Autore: AA.VV.
ISSN: 0392-4556
ISBN: 978-88-7229-683-7
Categoria:


Editoriale
Christof Betschart, ocd


Cristologia e antropologia:
 nodo fondamentale per l'antropologia teologica 

Adrian Attard, ocd

Nella ricerca di una mediazione tra antropologia e cristologia, l’Autore propone la via di una metafisica dell’amore con la sua insistenza sull’essere relazionale della persona. In questa prospettiva relazionale, la svolta antropologica moderna può essere accolta e interpretata in riferimento all’amore trinitario rivelatosi nella proesistenza di Cristo.

La nostra salvezza è infallibilmente decisa o infinitamente desiderata? Sfida spirituale e pastorale di una questione teologica

Jean-Baptiste Lecuit, ocd

Jean-Baptiste Lecuit presenta qui alcuni aspetti e una sintesi del suo libro Le désir de Dieu pour l’homme. La tesi dell’Autore è che il desiderio di Dio per l’uomo sveglia e vivifica il desiderio dell’uomo per Dio e offre così una risposta al problema dell’indifferenza verso Dio nel mondo occidentale.

"L'Incarnation change tout": corps et imago Dei chez Edith Stein. Confrontation avec saint Augustin

Bénédicte Bouillot

L’Autore s’interroga, a partire da Merleau-Ponty, sulla dimensione corporea dell’immagine di Dio. Già in Agostino, una delle fonti importanti di Stein, si nota una certa valorizzazione della corporeità umana. Stein integra la corporeità umana nella sua considerazione dell’immagine fino a considerare una certa superiorità degli uomini rispetto agli angeli.

Die Analogia-entis- und Bild-Problematik bei Erich Przywara
. Mit Blick auf Edith Stein
Lucasz Strzyz-Steinert, ocd

La prima parte del testo prende in esame con Przywara le varie polarità che una concezione cattolica dell’analogia deve integrare, mentre la seconda parte è dedicata alla percezione przywariana di Stein, in particolare al suo essenzialismo e a una certa insistenza sulla connessione tra l’opera steiniana e la sua origine in un ambiente ebraico secolarizzato.

Stein e Hemmerle in dialogo: percorsi di ontologia trinitaria
Valentina Gaudiano

Il contributo considera l’ontologia trinitaria che Hemmerle presenta nelle sue Tesi del 1976 come un approccio per molti aspetti in sintonia con la ricerca steiniana di Essere finito e essere eterno. La richiesta sia steiniana sia hemmerliana è di ripensare l’ontologia a partire dalla Rivelazione trinitaria.

Fondamenti per una metafisica dell'amore.
 Hannah Arendt e Agostino a confronto

Fabio Iacovacci

La concezione agostiniana della creaturalità, riletta in prospettiva antropologica da Hannah Arendt come natalità, serve come punto di partenza della filosofia dell’azione e dunque come fondamento dell’agire etico.

Le Carmel espagnol et la mystique musulmane.
 Un thème historiographique bien embrouillé, de Àngel Ganivet à l'Abbé Miguel Asìn Palacios et au-delà

Hugues Didier

Lo studio rivisita la questione dell’influsso islamico su Teresa d’Avila e Giovanni della Croce. Il sacerdote cattolico Miguel Asín Palacios sottolinea influssi cristiani e neoplatonici sull’Islam e sui suoi autori mistici, per poi avanzare l’ipotesi di un influsso islamico sugli autori carmelitani.

Recensioni